lunedì 4 novembre 2013

La torta-gacco


Le torte decorate con la pasta di zucchero, a parte essere molto raffinate perché di linea pulita e minimalista, hanno un vantaggio decisamente da non sottovalutare: si realizzano in diverse fasi.
E così prima la torta, poi la farcia, la decorazione e in fine assemblare il tutto!
La torta gacco (gatto) per il secondo compleanno di mia nipote é la torta foresta nera (guscio di cioccolato ripieno di panna montata e amarene sciroppate) con copertura di crema a base di mascarpone, panna montata e zucchero a velo (ho schiacciato 250g mascarpone con la forchetta e l'ho mescolato a 60g zucchero a velo, poi ho unito questo composto a 250g di panna montata mescolando dal basso verso l'alto per non smontare la panna) e copertura di pasta di zucchero rosa.
Il gatto è viola (anche se dalla foto sembra grigio!)...per ricordare che il compleanno coincide...con il giorno di Halloween!


Le decorazioni sul piatto torta sono realizzate con i colori in gel.


Per realizzare il gatto ho seguito le immagini trovate googlando "gatto pasta di zucchero":
sono partita da un cono per realizzare il corpo, aggiungendo poi le altri parti e unendo le une alle altre con poca acqua.
Quello che non sono riuscita a realizzare con la pasta di zucchero, l'ho disegnato con il pennarello alimentare (bocca, baffi, numero 2 sulla medaglia...).

Auguri nipotina <3

domenica 25 agosto 2013

Gompm Alm in Sudtirol


Scrivo da Merano, gustando pane nero ai semi di finocchio con speck e formaggio, passeggiando lungo il fiume e perdendomi con lo sguardo tra vette, pascoli e malghe... 
Respirando il gusto tirolese tra le vie, le piazze e nelle vetrine dei negozi...

Prima tappa escursionistica è GOMPM ALM, tipico maso altoatesino a 1800 mt slm che ti accoglie dopo una salita con la funivia dell'HIRZER (da Saltusio - Merano) a 1980 mt slm e una camminata di mezz'ora (1 ora e mezza con treenne, passeggino e cane!). 

 



Patio per pranzare all'aperto, zona attrezzata per pic nic con tavoli,  poltrone e divani (e sottofondo in filodiffusione radio SWISS JAZZ), terrazza panoramica con sdraio per prendere il sole, concerti e cinema all'aperto nelle sere d'estate.




la vista a valle
la vista a monte









Ci accompagna un sole caldissimo e profumo di piatti cucinati con tradizione e passione.






Anche se la voglia di wurstel e speck è insistente non so resistere ai finferli freschi, preparati in insalata biologica e mozzarella. Non pensavo potesse esistere un'insalata più gustosa e croccante di quella dell'orto del nonno... qui l'ho trovata: è quella dell'orto biologico del maso, coltivato a 1800 mt: insalata, carote e pomodorini hanno un gusto croccante, fresco e amabilmente dolce.                                         


Nella foto si può vedere l'orto biologico e sullo sfondo il forno dove ogni domenica (e noi casualmente siamo capitati in domenica) si prepara e si cuoce pane fresco.


Pane nero ai semi di finocchio: è possibile anche acquistarlo e metterlo nello zaino ancora caldo in vista della scarpinata che vi aspetta per scendere a 1400mt circa per arrivare alla stazione della funivia di Prenn e ritornare a Saltusio (come abbiamo fatto noi).  


Cos'altro abbiamo mangiato per pranzo?

Pane nero con semi di finocchio, servito con burro e salsa allo yogurt; presentato su un vassoio di legno con il pizzo della nonne (très chic per essere in alta montagna!)


Canederli con tartufo estivo e spinacini bio.
Semifreddo al miele con albicocche sciroppate fatte in casa.


Dolci a base di pasta dolce (una specie di gnocco fritto) ripieno di varie tipologie di marmellate home made. Stupore all'accostamento azzeccatissimo di marmellata di mirtilli e semi di papavero in abbondanza (questa marmellata mi piace!).

E' anche possibile acquistare un cestino da pic-nic con deliziiose specialità preparate dal maso e acqua di montagna, da gustare nel prato che circonda Gompm Alm.




















Qualche idea in più?

Un bel tazzone (o in questo caso bicchiere) dove riporre le posate e i tovaglioli per l'aperitivo o il brunch in terrazza (magari una di quelle mug personalizzabili con pennarello ad hoc con cui poter scrivere un messaggio o il tema della festa!)

 
La vecchia cucina o stufa della nonna si trasforma in un tavolo di servizio!

Arriva l'autunno...le temperature sono scese ma non la voglia di pranzare all'aperto?
Coperta e pile per corprirsi e viso al sole!


GOMPM ALM... quanto mi manchi!

 

COSA VOGLIO PROVARE A CASA:
- pane nero con i semi di finocchio nella forma del muffin, servito con burro e salmone (come panini)
- muffin ripieni di marmellata di mirtilli e semi di papavero
- canederli

mercoledì 14 agosto 2013

Una traccia sul piatto...

Cosa si può realizzare con un piatto e un pennarello alimentare?
Voilà!



Anche cucinare riso in bianco può stimolare la creatività!


E anche le frittatine bietole, zucchine, menta e pinoli,
infornate nei pirottini in silicone dei muffin,
hanno fatto la loro bella figura!

ESITO 3enne: la presentazione del piatto non l'ha stupita,
e mi sto ancora chiedendo il motivo :-(
e la frittatina non è stata apprezzata...
in compenso "mamma buono il riso"
°_°

domenica 11 agosto 2013

Ghiacciolo-mania


Stampi per ghiaccioli, acqua, zucchero & c., frutta
e per i più golosi nutella, panna e yogurt...
e i ghiaccioli sono fatti!

Tra gli stampi per ghiaccioli più divertenti ci sono quelli di kunzi

e tra quelli più economici quelli di Ikea e Tiger.
Ikea - Chosigt € 3
Si possono trovare ricette base da personalizzare a piacere qui, qui e qui senza tralasciare quelle di Clio, golosissime e sane!

...e spazio alla fantasia!




Il nostro preferito?
Pura frutta
(ho fatto uno sciroppo con 100ml acqua e 50g zucchero, l'ho lasciato raffreddare e poi l'ho frullato con 150g di fragole e succo di mezzo limone)
 già testato nelle varianti mora e fragola,
individuali oppure mixate per un gusto più ricco,
lasciando qualche pezzetto di frutta in modo da rendere il ghiaccio più "friabile".
Oppure la variante mora e yogurt:


(ho frullato sciroppo+frutta con lo yogurt, 
in alternativa si possono realizzare ghiaccioli a strati -
cioè solo yogurt o solo frutta)

Non volete acquistare gli stampi???
Sbizzarritevi con quello che avete in casa:
piccoli bicchieri usa e getta (come quelli per i liquori o per il caffè)
bastoncini in legno o palettine di plastica per il caffè.

ESITO 3enne: creatività, stupore e golosità a gogò!

Estate duemilatredici = ghiacciolo mania home made!

martedì 23 luglio 2013

PANCETTA: 1 CONFEZIONE X DUE CENE


La pancetta a cubetti: una presenza rara per il mio frigorifero perchè la associavo quasi esclusivamente alla Carbonara, primo praticamente assente nel mio archivio gastronomico per la mia fissa delle uova crude.
Ora nell'arco temporale di 48 ore ho realizzato 2 cene a base di pancetta,
più per coscienza che per scelta:
per il primo piatto ho utilizzato mezza confezione,
e la parte restante dovevo terminarla oppure buttarla (noooooooooooooo!).

NOVITA'
Da questo post trovate a fine ricetta gli esiti della presentazione del piatto alla mia bambina quasi 3enne!

COUS COUS/ZUCCHINE/PANCETTA IN TORRETTE DI ZUCCHINE
con CIALDE DI PARMIGIANO


Ho pulito 3 zucchine di medie dimensioni tagliandone le estremità e lavandole.
Ho tagliato ogni zucchina in 3 parti stando attenta ad ottenere dei cilindri con base piana in modo che potessero restare in piedi da soli.
Li ho fatti bollire per 10'-15' (cottura al dente).
Ho “sbucciato” un'altra zucchina
(cosa non si fa per i figli?)
e ho tritato la polpa al coltello.
Ho tritato al mixer mezza confezione di pancetta fino ad ottenere una crema
(da questa ricetta ormai uso la pancetta solo tritata).
L'ho fatta rosolare,
ho aggiunto il trito di zucchine e fatto cuocere per qualche minuto aggiungendo se necessario qualche cucchiaiata di acqua di cottura delle zucchine.
Nel frattempo ho messo in una ciotola un mestolo di acqua di cottura delle zucchine, un pizzico di sale e un filo d'olio e ho aggiunto la stessa quantità di cous cous e mescolato.
Coperto e lasciato riposare per almeno 5'.
Pronto il cous cous l'ho sgranato e aggiunto a zucchine+pancetta mescolando bene.
Pronti anche i cilindri di zucchine li ho scolati, lasciati raffreddare qualche minuto e svuotati della polpa con un coltello.
Li ho riempiti con cous cous+zucchine+pancetta e accompagnati con cialde di parmigiano arrotolate (preparate versando a pioggia del parmigiano nella pentola del cous cous+zucchine+pancetta e facendo rapprendere per pochi secondi, poi arrotolate su sé stesse).

ESITO 3enne: assaggiato ma non gradito

PENNETTE PANCETTA CANNELLINI E ZAFFERANO (e ROSMARINO PERCHE' NO?)
Dopo una giornata all'outlet con una duenne
(stancante ma stranamente più gestibile che una giornata in piscina...
è una donna eh eh eh)
il pensiero era solamente rivolto alla preparazione di una cena rapida ma gustosa.
Le prime cose che mi sono capitate in mano sono state:
1 vasetto di fagioli cannellini dalla dispensa
1 busta di zafferano dalla dispensa
½ confezione di pancetta dal frigorifero
e ovviamente pasta!


Ho affettato 1 cipollotto fresco e l'ho fatto rosolare con olio.
Ho aggiunto la pancetta passata al mixer
e dopo qualche minuto i cannellini.
Poi ho aggiunto direttamente 250g di pasta a crudo continuando la cottura come fosse un risotto (aggiungendo acqua bollente o brodo salati).


Verso fine cottura ho aggiunto una bustina di zafferano.
A cottura ultimata ho mantecato con parmigiano
e ho servito con un filo d'olio e pepe.
Avrei aggiunto del rosmarino (accoppiata vincente con pancetta e cannellini,
ma non l'avevo).

ESITO 3enne: divorato, cannellini compresi





martedì 9 luglio 2013

UN BAREBECUE + 8 AMICI + 40 ANNI

Tornare sul mio blog dopo settimane di assenza con questo post è un onore!
Festeggiare i 40 anni (di mio marito) nel proprio giardino,
anche se piccolo e non perfetto,
con gli amici più cari
e una super grigliata!

Io ho supportato con la preparazione della tavola,
insalata di spinacino novello, pere, pecorino e pinoli per accompagnare la carne
e ovviamente la torta!






Auguri!

domenica 14 aprile 2013

Fusilli carote basilico e mandorle

Ecco: come far mangiare le verdure a tua figlia. Frulli, triti, passi... e lei scarta un piatto di pasta preferendo l'insalata belga!!!
Esperienze di vita di mamma, ed esperimenti culinari visto che in questi ultimi mesi ho rivalutato decisamente le carote, a favore di ricette come questa:

FUSILLI CREMA DI CAROTE,BASILICO E MANDORLE - ingredienti x 250g di pasta

Ho lessato 3 carote, le ho frullate con una decina di foglie di basilico, 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva, 1 pizzico di sale e 1 cucchiaio di parmigiano. Ho saltato la pasta con la crema ottenuta ed ho mpiattato ogni porzione con un cucchiaio di mandorle tritate finemente e parmigiano grattugiato.

Buon appetito!

venerdì 4 gennaio 2013

Macarons take away...ancora sweet box!

Vi siete mai trovate energiche e stanche allo stesso momento?
Uno di quei giorni in cui è andato tutto storto e avete solo voglia di cancellare le ore appena trascorse...
io mi metterei sotto le coperte al riparo da tutto e tutti,
ma la mia mente non riesce a staccare quando il corpo è immobile
come se non riuscissi a fare due azioni nello stesso momento,
mente e corpo come due entità separate.
Allora creo,
mi metto in azione all'impazzata per pensare solo a quello che le mie mani stanno realizzando,
ed è in quel momento che le mie creazioni hanno un'anima
la mia che se è traferita a loro.


Ho preparato per la seconda volta i Macarons.

La prima volta erano riusciti esteticamente non perfetti,
molto crepati in superficie,
molto morbidi all'interno,
ma apprezzati da tutta la famiglia,
a parte me.

Non poteva essere.
Non riuscivo a capire come non potessero non piacermi dei dolcetti dal gusto così semplice e perfetto,
ma non avendone mai assaggiati di originali non potevo confrontarli con i miei.

Poi è riapparsa Csaba sul mio televisore,
nella propria casa stile Benedetta,
un po' casalinga stile ognuna di noi.
E in men che non si dica prepara dei Macarons
declamandoli con le amiche come la ricetta più veloce del mondo
preparati dopo pranzo mentre stava
riempiendo la lavastoviglie
passando il pannetto Swiffer
e pulendo il forno.

E ho riprovato.
Senza the Matcha ovviamente.


Secondo Csaba si devono crepare in superficie,
e un passaggio è giusto.

Csaba li ha farciti di crema di burro.
A me non fa impazzire,
anzi non mi piace per niente...
ogni volta che la assaggio mi trovo ad immaginarmi mentre azzanno un panetto di burro...
Ma gli amici per i quali li stavo preparando ne vanno matti
e quindi via libera.

Conclusione:
i gusci dei Macarons sono paradisiaci
ma il Macarons accoppiato acquista un tocco troppo morbido e dolciastro.
Niente da fare per me.
Prendo quelli perfetti e mentre decido come portarli
(eh si quando devi preparare dei dolci da portare a qualcuno il problema è sempre DOVE metterli!)
mi balza alla mente un'immagine di qualche blog di qualche tempo fa...
non me ne vogliate...
io cerco cerco e poi archivio le immagini solo nella mia mente e non ricordo gli autori!

Scatola della carta forno o argento o pellicola
(possibilmente senza seghetto metallico)
la ricopro di carta argento
(fa molto Natale)
un fondo di carta forno,
inserisco i Macarons...
dimensione perfetta,
chiudo
un bel nastro
e voilà!




;-)

mercoledì 2 gennaio 2013

Bouche de Noel


"Mai, non ce la farò mail".
E invece passaggio dopo passaggio
sono riuscita a realizzare il tronchetto di Natale.
Ho recuperato diverse ricette
confrontato ingredienti e passaggi
e alla fine ho seguito questa,
con la variante della crema pasticcera
preparata seguendo la ricetta del Cucchiaio d'Argento. 


Ho dimezzato le dosi ed il risultato è stato un tronchetto per circa 8 persone,
senza bis, ma considerando la tipologia di dolce,
farcito con crema pasticcera al cioccolato e ricoperto con ganache al cioccolato,
una dose unica a fine cena è quasi d'obbligo!

Amante del cioccolato quale sono
speravo in un gusto più variegato e poco noioso
invece sono rimasta delusa.
Probabilmente una farcia di crema pasticcera neutra
o una "nevicata" di cocco
arrichirebbe questo dolce di un gusto brillante e variegato.

martedì 1 gennaio 2013

Tiramisù take away e sweet box

Questa è la mini versione take away,
portata a casa di amici per conlcudere una merenda natalizia in compagnia:








Un po' riciclo creativo e un po' Cappuccetto Rosso!

Ho preparato il tiramisù nei vasetti dell'omogeneizzato,
li ho chiusi con il loro coperchio
e, ricordando le conserve della nonna preparate in casa,
ho appoggiato sul coperchio stesso un pirottino di carta rovesciato,
fermandolo con un nastrino oro.
Ho poi decorato i pirottini con disegni natalizi utilizzando
un tubetto di colore alimentare glitterato.

Ho preso un recipiente di carta monouso
(quelli per surgelare le lasagne!)
per contenere i 4 tiramisù,
ne ho decorato il bordo con un nastrino oro applicato con nastro biadesivo,
ho applicato la maniglia utilizzando la striscia di protezione che usano in pasticceria...
ALT
io non l'avevo...
ma avevo archiviato il cartone che si trova nella confezione della pasta sfoglia del banco frigo,
avete presente?
Quello che avvolge a triangolo il rotolo di pasta sfoglia
e si divide in 3 strisce di cartone in quanto è già prefustellato!
Ecco questa striscia di cartone è stata applicata al vassoio con dei punti metallici
e per ricoprirla ho usato un nastro di stoffa natalizio molto largo.

Carini vero???
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...